Poesia e inconscio

inconscio_1-1-300x246

Esiste un particolare legame tra la psicologia, essa analizza l’attività umana e la poesia che n’è una delle più alte ed efficaci espressioni.

Io penso che sia uno dei modi migliori per far parlare l’inconscio, per elaborare conflitti, trovare soluzioni; un’ ottima modalità per dare forma a “pezzi di inconscio” che non riusciamo a decifrare, ad elaborare e a comprendere, che a volte possono provocare malessere.

S. Freud ne parlò per primo in ambito psicologico definendo la poesia come gioco (Il poeta e la fantasia, 1907)

Il poeta per Freud è come un bambino “… si costruisce un suo proprio mondo o – meglio – dà a suo piacere un nuovo assetto alle cose del mondo”; “crea un mondo di fantasia, che prende molto sul serio pur distinguendolo nettamente dalla realtà”.

A suo giudizio “il particolarissimo segreto del poeta e la vera ars poetica” consiste nella capacità della poesia di procurare un “piacere preliminare”. L’immaginazione poetica produce i suoi effetti perché è libera dai pregiudizi, dai vincoli della censura e perché si affranca dalla vergogna e dalla paura.

Per K. G. Jung  la poesia, ha la possibilità, come l’inconscio, di “dire” l’”indicibile”. Egli trattò in particolare del legame tra poesia e psicologia in” Poesia e psicologia, 1979″.

Secondo Jung ogni parola che nasce è un’apertura all’ignoto. La scrittura mette in scena il noto e l’ignoto. La creazione si realizza, quando una parte del non detto comincia ad emergere. Così, s’inventa il proprio passato nel racconto, coprendo e rivelando. Il lavoro creativo mobilizza una violenza che a suo tempo non ha trovato parole per essere detta.

La poesia, inoltre, rispetta la grammatica dell’inconscio: nello spazio creativo esperienze, ancora balbettanti, si possono articolare sino a diventare comunicazione. L’opera d’arte rappresenta la forma più elevata dell’esigenza di trasformare.

La poesia è un potente mezzo conoscitivo, liberatorio, che può essere utilizzato in ambito psicologico, in fase iniziale di valutazione o per far raggiungere al paziente degli obiettivi graduali di conoscenza personale, per rielaborare vissuti o per migliorare alcuni atteggiamenti negativi.

 

2 commenti

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.