Il Training autogeno

massage-599532_640

Il Training Autogeno è una tecnica di rilassamento che consente di realizzare spontanee modificazioni psico-fisiche inducendo alla calma e ad una maggiore capacità di autodistensione.

Il T.A. influenza positivamente varie funzioni dipendenti dal sistema nervoso vegetativo quali la respirazione, la circolazione del sangue, il metabolismo.

La tecnica venne elaborata e introdotta in Europa circa 100 anni fa dal dr. Johannes Heinrich Schultz.
L’obiettivo di Schultz era quello di rendere il paziente autore del proprio cambiamento e del proprio benessere.

Con il termine autogeno infatti si mette in risalto l’importanza e la capacità per il praticante di provocare autonomamente (dopo un breve allenamento o training) le modificazioni psichiche e somatiche necessarie alle proprie esigenze personali.

Per mezzo del Training Autogeno si può raggiungere così una maggiore armonia interiore affrontando al meglio le varie circostanze della vita.

Gli esercizi di base del Training Autogeno

Gli esercizi-base del Training Autogeno vengono classicamente distinti in 6 esercizi di cui 2 fondamentali e 4 complementari.

Esiste inoltre un esercizio propedeutico che mira, come primo obiettivo, al raggiungimento della calma:

INDUZIONE ALLA CALMA E AL RILASSAMENTO

1° esercizio LA PESANTEZZA (è molto utile per superare problemi psicofisici legati a tensioni muscolari che derivano da tensioni emotive)
2° esercizio  IL CALORE (serve per alleviare problemi circolatori, in tutti i casi in cui ci sia un problema di ridotto afflusso del sangue alle estremità, aiuta a riscaldare i muscoli e ad aumentare lo stato di rilassamento prodotto dalla pesantezza)
3° esercizio  IL CUORE (è un esercizio molto suggestivo che permette di mettersi in contatto con il proprio ritmo di  vita e di quella parte del corpo che simbolicamente deputiamo alle emozioni)
4° esercizio IL RESPIRO (produce una migliore ossigenazione del sangue e degli organi. E’ importante nel simbolismo respiro=vita)
5° esercizio IL PLESSO SOLARE (aiuta soprattutto chi soffre  di problemi digestivi)
6° esercizio LA FRONTE FRESCA (produce una vasocostrizione cerebrale che può essere molto utile per ridurre il mal  di testa soprattutto se legato ad un sovraccarico fisico o mentale.

A cosa serve il T.A.? tra i tanti benefici di questa tecnica:

– attenuazione di stress, ansia, somatizzazioni (gastrite, emicrania,etc.)
– autodistensione
– miglioramento nei disturbi del sonno
– recupare immediatamente le energie
– autoregolazione delle funzioni corporee normalmente “involontarie”
– potenziamento di memoria e concentrazione

Le sessioni di esercizi si tengono sia individuali che di gruppo.

 

 

2 commenti

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.